La tappa in terra britannica della European Le Mans Series non ha portato le soddisfazioni auspicate alla vigilia per Damiano Fioravanti. In occasione della 4 Ore di Silverstone, quarta prova stagionale della serie continentale, la rincorsa ad un piazzamento in zona podio nella classe LMP3 è infatti stata bruscamente interrotta da un guaio tecnico verificatosi dopo circa un’ora e mezza di gara.

L’equipaggio dell’Oregon Team, che ha visto a bordo della Norma M30 Nissan il pilota romano affiancato come di consueto da Lorenzo Bontempelli e Gustas Grinbergas, ha così dovuto alzare repentinamente bandiera bianca, rinunciando ad un risultato che sarebbe potuto essere di sicuro prestigio.

Il week-end sembrava essere nato sotto una buona stella per la compagine di Cremosano, con dei positivi riscontri emersi al termine delle prove libere ed un piazzamento a ridosso delle primissime posizioni per quanto riguarda le qualifiche di classe.

Lo start di gara si è rivelato alquanto caotico a causa delle condizioni meteorologiche, con Fioravanti richiamato ai box dopo soltanto un giro in seguito all’arrivo della pioggia, che ha costretto il team a passare dalle gomme slick a quelle rain. La gara stava poi proseguendo senza intoppi, con il pilota romano abile a districarsi nel gruppo delle LMP3 e lanciato verso la possibilità di regalare al team il secondo podio della stagione.

Purtroppo, un guaio tecnico alla pompa dell’olio ha vanificato tutti gli sforzi compiuti sino a quel momento, costringendo il team a ritirare mestamente la vettura. Una battuta d’arresto che lascia l’amaro in bocca, soprattutto considerando il potenziale espresso e la necessità di dover rinviare al prossimo appuntamento la possibilità di regalarsi un risultato di rilievo.

Damiano Fioravanti: “E’ un vero peccato. Arrivavamo dalla pausa estiva con fiducia e tanta voglia di tornare a misurarci in pista, ma purtroppo le cose non sono andate nel verso giusto. La macchina ha messo in mostra un buon potenziale, visto che siamo stati nelle prime posizioni in tutte le sessioni ed il feeling era sicuramente positivo. In gara siamo poi partiti con gomme da asciutto, ma subito dopo uno scroscio di pioggia ci ha costretto a rientrare ai box ed in quel momento si è creata una situazione di grande caos in pit lane. Sfortunatamente, dopo quasi un’ora e mezza di gara il sistema della pompa dell’olio ha cessato di funzionare: il team non ha potuto fare altro che ritirare la vettura ed iniziare ad indagare sulle cause. Purtroppo le corse sono fatte anche così: non ci resta altro da fare che guardare avanti e pensare al week-end di Spa. Ringrazio comunque tutto il team per il grande lavoro svolto e l’impegno che quotidianamente mette per metterci a disposizione il miglior materiale possibile. Inoltre, vorrei rivolgere un pensiero ad Anthoine Hubert: è drammatico quanto accaduto in Belgio, siamo praticamente coetanei e la sua scomparsa rappresenta per tutti noi una perdita enorme. Siamo vicini ai suoi familiari”.

Damiano Fioravanti tornerà in azione al volante della sua Norma M30 in occasione del quinto round stagionale, previsto sul tracciato di Spa Francorchamps il prossimo 22 Settembre.

Follow me!