Tanta delusione e rammarico per Damiano Fioravanti all’indomani della 4 Ore di Barcellona, terzo appuntamento stagionale della European Le Mans Series. Il giovane pilota romano dell’Oregon Team ha ancora una volta messo in mostra il proprio valore nell’arco del week-end, ma una serie di guai tecnici ed episodi poco fortunati hanno bersagliato l’equipaggio nel corso della gara, impedendogli di andare oltre una poco soddisfacente decima posizione finale nella classe LMP3.

Un epilogo che sicuramente non rende giustizia al terzetto composto anche da Lorenzo Bontempelli e Gustas Grinbergas, soprattutto considerando l’eccellente passo messo in mostra per lunghi tratti della gara ed il potenziale della Norma M30 preparata dal team di Cremosano.
Fioravanti si è presentato all’appuntamento in terra catalana deciso a voler cancellare l’amaro epilogo della prova di Monza, con l’obiettivo dichiarato di cogliere almeno un piazzamento in zona podio dopo i positivi riscontri emersi al termine dei test. Purtroppo, le cose hanno iniziato a prendere una piega storta sin dalle prove libere, con un guaio al distanziale motore-cambio che ha impedito al driver romano di effettuare una simulazione di qualifica.

Nonostante questo inconveniente e una volta rimessa in sesto la vettura, Damiano è riuscito in una piccola impresa nel corso della sessione volta a determinare lo schieramento di partenza, strappando il secondo tempo nella classe LMP3 a poco meno di due decimi dalla pole.

La partenza dalla prima fila sembrava poter autorizzare un certo ottimismo in vista della gara, ma un problema al cambio verificatosi nel corso del primo stint (quello in cui al volante si trovava lo stesso Fioravanti) ha costretto il team ad una lunga sosta ai box che ha fatto perdere oltre due giri. La gara a quel punto è risultata compromessa, ed a poco sono valsi i tentativi di rimonta operati di Grinbergas (a sua volta tamponato da un’altra vettura) e Bontempelli nei due stint successivi.

Damiano Fioravanti: “Purtroppo la sfortuna sembra non volerci abbandonare e anche questa volta ci ritroviamo a commentare un risultato sfumato. Abbiamo confermato di avere un grande potenziale, come emerso dalla prestazione nelle qualifiche, ma poi una serie di episodi negativi hanno condizionato la nostra gara, impedendoci di puntare ad un piazzamento nelle prime posizioni. Purtroppo le corse sono fatte anche così: adesso non rimane altro che rimboccarsi le maniche e continuare a lavorare, visto che un risultato di prestigio risulterebbe meritato anche per il team che, nonostante tutto, ha svolto un lavoro straordinario”.

Damiano Fioravanti tornerà in pista dopo la breve pausa estiva prevista dal calendario della European Le Mans Series, per il quarto round in programma il 31 Agosto sul circuito britannico di Silverstone.

Follow me!